La maggior parte degli architetti e ingegneri italiani, lavorano entro un mercato locale delle costruzioni, quella stessa area che almeno da una decina d’anni, sperimenta se non un blocco, almeno in forte rallentamento per l’interna filiera con ricadute critiche a carico di professionisti, imprese, terzisti, impiantisti, artigiani, magazzini edili e, non ultimi i Comuni che vedono crollare gli incassi per oneri di urbanizzazione.

Una strategia di

Internazionalizzazione

Una delle strategie per architetti ed ingegneri italiani potrebbe essere la via dell’internazionalizzazione ma, sulla praticabilità di tale strategia, si addensano dubbi: come si può passare dalla dimensione “superlocale” a quella internazionale? Come si adatta la dimensione media minima dei nostri studi, con mercati esteri?, Come si supera rapidamente il problema linguistico, delle norme e dei codici locali? Il residuo appeal dell’Italian Style, rappresenta un vantaggio competitivo spendibile? Qual sono i Paesi e le aree geografiche cui conviene tentare di rivolgersi? Come ci si muove per cercare nuovi mercati per la progettazione? Perchè l’apparato statale non ci riconosce come risorsa e non appoggia il nostro processo di internazionalizzazione?

Il ruolo di Fondazione Inarcassa

Da alcuni anni Inarcassa ha costituito una Fondazione per il sostegno al lavoro libero professionale e, negli ultimi anni, essa ha affiancato un filone per sperimentare e promuovere l’internazionalizzazione degli studi professionali, a fianco della tradizionale vigilanza sui bandi anomali emessi dalle PA italiane.

Ecco che, dopo la prima edizione a Dubai di novembre 2017, la Fondazione Inarcassa ha organizzato ed attuato il 2° Workshop Internazionale a Chicago, un’area metropolitana nel centro degli USA che rappresenta una realtà in costante crescita per i servizi di ingegneria e architettura, nonché un punto di riferimento della professione negli Stati Uniti per il mondo accademico e culturale. Il workshop si è svolto dal 23 al 27 ottobre ed ha raccolto una buona partecipazione di liberi professionisti.

ala assoarchitetti, dedalo minosse, fndazione inarcassa: workshop a chicago

IL GRUPPO DEL WORKSHOP A CHICAGO

Il ruolo del premio internazionale Dedalo Minosse

Fondazione Inarcassa ha da anni stretto un rapporto di collaborazione con ALA Assoarchitetti – promotore del Premio – per cui, nel reciproco rispetto dei compiti diversi, Fondazione ha riconosciuto nel Dedalo Minosse un raffinatissimo veicolo di promozione sui mercati esteri. Infatti, il premio internazionale Dedalo Minosse premia clienti ed architetti di tutto il mondo e, in tal modo si reca poi a “visitare” i premiati nei loro Paesi portando in quei luoghi un messaggio di elevatissima qualità sull’architettura messa in opera.

La paternità italiana del premio, veicola l’italianità in generale dell’iniziativa e, con la cerimonia di premiazione e la mostra principale di Vicenza, si creano delle relazioni non solo di conoscenza per colleganza, maanche di simpatia se non proprio di vera amicizia che, in seguito, favoriscono la costituzione di gruppi per la progettazione in molte nazioni di questo nostro mondo.  Ecco che, prima di questo workshop a Chicago, la 10° edizione del Dedalo MInosse ha viaggiato a Parigi, Buenos Aires, Tokyo e continuerà a viaggiare sino alla edizione 2019.

Il Premio Dedalo di Assoarchitetti ha da anni costituito uno speciale rapporto con gli Istituti Italiani di Cultura nel mondo, grazie al supporto del Ministero degli Affari Esteri; così, i nostro colleghi del gruppo del workshop hanno partecipato all’inaugurazione della mostra del Premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza, allestita presso l’Istituto di Cultura Italiana di Chicago.

In conclusione, riportiamo qui di seguito 5 interviste condotte dal presidente di ALA Assoarchitetti, Bruno Gabbiani, che ha accompagnato la missione a Chicago.

Scorri lateralmente le interviste a: ing. Gaetano Vinci e arch. Michela Bosco, entrambi Consiglieri della Fondazione; arch. Marco Pipino, arch. Michela Belluzzi, arch. Valerio Cozzi, tutti liberi professionisti, tra i componenti del gruppo del workshop a Chicago.


Invia il tuo commento, grazie:


Creative Commons License
This work by giovencato is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 4.0 International
Permissions beyond the scope of this license may be available at https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/legalcode